Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Arte del Te
  • header7
  • Chado
  • Le teiere
  • Contenitore per il tè
  • Teiera in ghisa
  • Buona fortuna !
  • Le scatole per il tè
  • La Cerimonia del Tè
  • Le teiere
  • Accessori per il tè
  • Teiera in ghisa
  • Buona Fortuna !

Carrello acquisti

Il carrello è vuoto

Benvenuto in Arte del Tè !

Paola Arcangeli ti aspetta ad "Arte del Tè". Il negozio si trova presso il Centro Atlante (RSM) ed è specializzato in tè, tisane ed infusi provenienti da tutto il mondo. Non solo un punto vendita, ma anche un luogo dove poter degustare queste bevande, conoscerle e scoprire il rito della Cerimonia del Tè, che Paola studia da diversi anni con i Maestri della scuola Dai Nihon Chadou Gakkai di Tokyo.

Un luogo dove potrai anche conoscere i cristalli, creature del mondo minerale, immagine di bellezza e perfezione, saggezza, espansione del pensiero e consapevolezza, che da tempo sono riconosciuti come aiutanti e guide per la nostra crescita ed evoluzione.

Inoltre una serie di corsi, seminari ed eventi potranno portarti su sentieri, sconosciuti o tradizionali, ma sempre molto interessanti da scoprire e da vivere.

I Colloqui personali con Paola sono esclusivamente su prenotazione al numero 0549 905732.

Autunno...

Autunno teEntriamo nella stagione dei caldi colori, dei primi freddi. Se ci soffermiamo a guardare intorno a noi percepiamo l'aria diversa, tersa, ed attraverso il primo freddo la natura ci parla di colori che ci avvolgono con la loro dolcezza...il giallo, l'arancio il verde scuro. Ecco la vetrina di Arte dl Tè, dedicata a questa stagione che ci porta un po' di nostalgia ma che ci invita ad una contemplazione tranquilla ed a ritrovare noi stessi....all'interno.

In Cina in questo periodo si festeggia il DIM SUM, La festa di metà autunno si tiene il quindicesimo giorno dell’ottavoProtagonisti dim sum mese lunare cinese. I festeggiamenti sono secondi solo alla festa di primavera ossia il Capodanno cinese ed è uno dei sette giorni di festività nazionale. Le origini di questa festa risalgono a circa tre mila anni fa ed è una festa collegata ai raccolti importanti per le comunità rurali ed all’equinozio di autunno nonché strettamente associata alla leggenda di Houyi e Chang’e, quest’ultima la dea lunare dell’immortalità. La leggenda: Houyi era un essere immortale, mentre Chang'e era una bellissima fanciulla che lavorava al palazzo dell’Imperatore di Giada come ancella della regina Madre. Quando i due si innamorano furono banditi dal regno dei Cieli e costretti a vivere come mortali sulla Terra. Per sopravvivere, Houyi deve iniziare a cacciare e diventa un provetto arciere. In quell'epoca esistevano dieci soli che vivevano su un albero di gelso ed avevano la forma di uccello. Ogni giorno uno degli uccelli doveva viaggiare su un carro intorno al mondo condotto da Xihe, la divinità "madre" dei soli. Un giorno, tuttavia, tutti e dieci i soli decisero di viaggiare insieme, di conseguenza la terra iniziò a bruciare. L'imperatore Yao, comandò a Houyi di usare le sue abilità con l’arco per uccidere tutti i soli tranne uno. Avendo completato con successo la missione, Houyi venne ricompensato dall'imperatore con una pillola che garantiva l'immortalità che non doveva però utilizzare subito e quindi nascose sotto un’asse di legno della casa. Un giorno, in assenza del marito, Chang'e notò una strana luce bianca emanare da sotto uno degli assi di legno, scoprì la pillola e la ingoiò e… si rese presto conto di poter volare. Si involò dalla finestra ed il marito la seguì anche se fu costretto a tornare sulla Terra a causa dei venti troppo forti. Chang'e raggiunse la luna, dove tossì via una parte della pillola non riuscendo più a volare e così chiese al coniglio bianco che viveva sulla luna, colui che preparava le erbe medicinali per gli dèi, di prepararle un'altra pillola per poter tornare da suo marito sulla terra. Houyi, nel frattempo, si è costruito una casa sul sole (andando a rappresentare il principio maschile dello YANG) in contrasto con la casa lunare di Chang'e (che rappresenta il principio femminile dello YIN). Una volta l'anno, durante la Festa di Metà Autunno, Houyi è in grado di visitare sua moglie sulla luna, ed è per questa ragione che in quella particolare notte la luna piena è più bella e luminosa del solito. La parte della festa più importante? Sedere insieme a tutta la famiglia ad ammirare la luna piena bevendo un ottimo tè e gustando cibo prelibato! Una luna piena luminosa simboleggia il compimento, così la Festa di Metà Autunno è per la famiglia o per i cari un giorno per riunirsi insieme.

Leggi tutto

Agosto...Carpa Koi!

karpa koiLE VETRINE DI ARTE DEL TE' QUESTO MESE SI SONO COLORATE DI TANTI PESCI CHE RICORDANO LA CARPA KOI GIAPPONESE, e noi cogliamo l'occasione per parlarvene! L’etimologia del termine “koi” viene dal Giapponese e significa semplicemente “carpa”. Questo pesce è un vero proprio "ornamento" dei giardini Giapponesi. Le coloratissime varietà di questo pesce nei toni dell’arancione, del giallo, del blu e molte altre sfumature sono conosciute con il termine più specifico di nishikigoi (letteralmente “carpa di broccato”) si distinguono per colorazione, squame, forma delle macchie che ne coprono il corpo, caratteristiche che le rendono più o meno preziose, facendo spesso orbitare il prezzo degli esemplari particolarmente apprezzabili a parecchie migliaia di euro.

Originariamene questo pesce era presente in Europa Centrale e in Asia, le molte mutazioni di colore furono opera delle varie popolazioni che incominciarono ad allevarle, prima tra tutte la Cina circa mille anni fa, dove incroci artificiali e mutazioni della Carpa Prussiana portarono allo sviluppo di quello che è oggi il comune pesce rosso.

La carpa è estremamente popolare nel tatuaggio tradizionale giapponese: la sua abilità di sopravvivere in ambienti ostili e di karpa koi tatooadattarsi a molti cambiamenti climatici e a diverse temperature dell’acqua la portarono ad essere presa come simbolo di forza d’animo, coraggio, perseveranza e riuscita nelle imprese della vita. E’ inoltre il simbolo per eccellezza della virilità e audacia e ed è l’emblema dei fanciulli. Nel giorno della festa a loro dedicata, il 5 di maggio, si appendono carpe (realizzate in carta o in tessuto) in cima a un palo o sui tetti delle case. Sempre in quel giorno viene celebrata la Cerimonia del Tè Tradizionale con chawan (tazze) che riportano disegni di carpe Koi. E' il simbolo maschile per eccellenza anche perchè la carpa è il più coraggioso dei pesci: risale a nuoto le cascate e accetta con dignità la morte inevitabile. In Giappone si dice che, a differenza degli altri pesci che tentano di fuggire quando sono mese sul tagliere, la carpa non trema e rimane immobile per affrontare l'inevitabile morte..... proprio come la affronta il samurai e  proprio come dovrebbe fare ogni vero uomo....

matcha tazzaIL MATCHA, IMPAREGGIABILE ALLEATO DELLA SALUTE, E' IL TE' CHE VIENE SERVITO NELLA TRADIZIONALE CERIMONIA DEL TE' - CHANOYU (ovvero CHADO - VIA DEL TE'). Il tè matcha è una varietà di tè verde che i coltivatori giapponesi fanno crescere a riparo dal sole e le cui foglie vengono raccolte a mano, appassite a vapore e poi trasformate in polvere attraverso l'utilizzo di mulini in pietra (proprio come facciamo con la nostra farina). Grazie a questa lavorazione, il tè matcha – pregiatissimo – si presenta in polvere molto fine e profumata di un intenso color verde smeraldo, è particolarmente ricco di vitamine, sali minerali, clorofilla e carotene poichè si assumono tutte le componenti salutari...praticamente SI BEVE LA FOGLIA! (mentre viene gettata nella classica infusione). Il tè matcha ha proprietà antiossidanti superiori rispetto a quelle di qualsiasi altro tè verde, recenti studi hanno infatti dimostrato che conterrebbe circa 137 volte il contenuto di antiossidanti del normale tè verde, polifenoli e diversi aminoacidi, che riducono lo stress fisico e psicologico, e l'acido glutammico che agisce sul sistema nervoso centrale. Il nostro matcha proviene da Ujitawara (Kyoto) ed è biologico (certificato) UNICA PIANTAGIONE. Potrete gustarlo TOP (GRADO 1) - PREMIUM (GRADO 2) E STANDARD (GRADO 3).

Il matcha, grazie alla sua fine macinatura, può essere gustato anche semplicemente disciolto in una bottiglietta di acquamatcha ice cream a temperatura ambiente Negli ultimi anni è molto utilizzato in cucina, i grandi chef lo propongono come ingrediente per piatti di vario genere. Davide Oldani, ad esempio, lo usa per spolverare le mandorle caramellate o per alleggerire la dolcezza del cialson, sorta di dim sum friulano che racchiude un impasto di frutta secca. Mister Green Tea è invece il nome di una superba creazione a firma Thierry Marx, cuoco tra i più atipici di Francia, di stanza al Camélia, ristorante light del Mandarin Oriental di Parigi, un dolce fantastico che mette assieme biscotti morbidi di mandorle, nocciole con tè Matcha, polpa di pompelmo, cioccolato bianco, meringa, burro salato e wasabi, crema di sesamo. Magari voi stessi avrete avuto la fortuna, in un buon ristorante giapponese, di gustare il gelato al matcha!

"Un samurai che ha come valore solo la forza è un samurai inacettabile 

Egli deve praticare la poesia ed essere un profondo conoscitore della Cerimonia del Tè"

Bushido - Codice d'Onore dei Samurai

 

Altri articoli...

  • 1
  • 2

Prelibatezze

Arte del Te